Andrea Iannone torna in Ducati?

Il talentuoso pilota italiano, sta seriamente pensando a un ritorno alla casa madre a partire dalla stagione 2018

0
1201

Andrea Iannone torna in Ducati? Non si tratta di un’ipotesi così peregrina, perché il talentuoso pilota italiano, sta seriamente pensando a un ritorno alla casa madre a partire dalla stagione 2018. Sarebbe un modo per provare a rilanciare le proprie ambizioni e le proprie prestazioni dopo il passaggio alla Suzuki, che non sta garantendo risultati prestigiosi al connubio creatosi la scorsa estate. Specie dopo i fasti dell’altro pilota italiano Andrea Dovizioso, reduce due successi nelle ultime due corse ai gran premi di Italia e di Catalunya, a dispetto di altri prestigiosi è più quotati (specie per il titolo di fine anno), rivali.

Il feeling tra il pilota italiano e la moto giapponese non è mai scattato, i risultati ad oggi possono essere sicuramente definiti insoddisfacenti e i contatti con la vecchia scuderia si stanno facendo insistenti. Non è un mistero, infatti, che ci siano stati dei contatti con il team Ducati Pramac, ma altre voci parlano di una possibile sistemazione in Aprilia. Suzuki si consolerebbe subito con il giovane e talentuoso Franco Morbidelli, attuale leader in Moto2, mentre il 30 enne pilota di origini fiorentine, legato sentimentalmente ormai da tempo alla conturbante showgirl argentina Belen Rodriguez, potrebbe ritrovarsi a fare coppia con un altro pilota italiano, ovvero Danilo Petrucci.

L’affare al momento, non sembra così scontato. Perché pare però che Pramac stia anche negoziando con Jack Miller, in scadenza di contratto con Honda, in questo caso l’alternativa di Iannone potrebbe essere in Aprilia, dove prenderebbe il posto del debuttante Sam Lowes, che finora ha convinto poco, ottenendo risultati a dir poco modesto. Se Iannone dovesse rompere con Suzuki, i giapponesi avrebbero già pronto il sostituto: Franco Morbidelli, altro talthuoso pilotanitaliano, che al momento sta lottando per il titolo in Moto2, attirando gli occhi di diverse scuderie su di sè.

Commenta l

SHARE
Loading...